Presentazione del Centro
Funzioni
Il ciclo di E. granulosus

La malattia nell'uomo

Controllo/Prevenzione E. C

Attività del Centro
- Laboratorio Nazionale
di riferimento: Attività
- Epidemiologia Veterinaria
- Epidemiologia Umana
- Educazione Sanitaria
- Corso Itinerante Nazionale


ASL: modalità invio
campioni


Contatti




EDUCAZIONE SANITARIA

L’educazione sanitaria ha un ruolo di fondamentale importanza in Sanità Pubblica Umana e Veterinaria in quanto si tratta di un intervento sociale che tende a modificare consapevolmente e durevolmente il comportamento di ogni individuo al fine di tutelare la salute mediante azioni di prevenzione. Considerato il forte impatto ambientale dell' Echinococcosi Cistica ed il diretto coinvolgimento della popolazione a rischio, l'educazione sanitaria risulta altamente strategica, dal momento che tutti possono entrare in contatto col parassita in modo indiretto o diretto. Inoltre, se condotta in maniera strutturata ed in modo da raggiungere gran parte della popolazione, costituisce anche un efficace metodo di salvaguardia della salute individuale: conoscere il ciclo di trasmissione di questa malattia consente di adottare misure per l’ interruzione dello stesso. L'educazione sanitaria è un processo di comunicazione interpersonale diretto a fornire le informazioni necessarie per un esame critico del problema e a responsabilizzare gli individui e i gruppi sociali nelle scelte comportamentali che hanno effetti diretti e indiretti sulla salute dei singoli e della collettività.

L’educazione sanitaria è uno dei compiti istituzionali attribuiti dal Ministero della Salute ai Centri di Referenza Nazionali in base all’art. 2 del Decreto 4 ottobre 1999. Considerato che la Sardegna è una regione ancora iperendemica per l’Echinococcosi Cistica nell’uomo, si è ritenuto fondamentale coinvolgere i ragazzi in età scolare con una innovativa campagna di educazione alla salute al fine di intraprendere un efficace cammino di prevenzione sanitaria. La scuola infatti è la sede naturale dell'educazione socialmente organizzata: ad essa, oltre che alla famiglia, è affidato il compito educativo primario e quindi quello di integrare i propri insegnamenti con l'educazione alla salute. Sono stati ideati e prodotti: un libretto divulgativo monotematico ed un poster sull’Echinococcosi, entrambi illustrati con vignette colorate di facile lettura, da consegnare agli alunni delle scuole coinvolte nel progetto, e un nuovo libretto didattico da utilizzare nelle Scuole Elementari dal titolo “Lela e Mondo, la storia del cane pastore Lela che spiega al suo amico Mondo il ciclo del verme echinococco”, realizzato sotto forma di storiella come progetto editoriale a fumetti al fine di avere un approccio facilitato sull’argomento Echinococcosi da rivolgere a questa delicata fascia d’età, rendendo il ciclo facilmente comprensibile dagli alunni della scuola primaria.


Libretto divulgativo


Poster


Libretto didattico

Il materiale divulgativo contiene spiegazioni sulla malattia, sul ciclo del parassita e sulle misure di profilassi. Nel 2008- 2009 sono stati raggiunti un numero complessivo di 1500 alunni di Scuole Elementari e Medie di diversi paesi sardi (Orroli, Benetutti, Nule, Nulvi, Chiaramonti, Martis, Orune, Bitti, Pozzomaggiore,  Mara, Padria, Cossoine, Noragugume, Dualchi, Borre, Bolotana, Silanus, Lei, Castelsardo). Nel 2010 siamo intervenuti in due Istituti Superiori, l’Istituto Alberghiero di Sassari e il Liceo Scientifico di Bitti. In particolare con i ragazzi della IV classe di quest’ultimo è nato un lavoro di elaborazione dati sulla realtà del mondo agropastorale della zona di Bitti grazie all’impegno degli studenti nell’intervistare 100 allevatori su tema Echinococcosi. A seguito dell’elaborazione delle risposte è stato realizzato un poster scientifico che il Liceo Scientifico tiene esposto a scopo educativo-informativo per gli studenti.

Inoltre si sono tenuti degli incontri di Educazione sanitaria sullo specifico argomento Echinococcosi nelle scuole medie di Torpè, Posada, Lodè, Siniscola.

Poiché per avere maggiori garanzie di successo dell’attività educativa ed informativa è indispensabile la collaborazione intersettoriale mediante il coinvolgimento oltre che degli insegnanti  di altre figure professionali appartenenti per esempio al Servizio di  Medicina Preventiva e  Sanità Pubblica nel  2012  nasce, in collaborazione con il Servizio Veterinario della ASL n°1, il progetto “Animali piccoli piccoli – Flebotomi e Cestodi” all’interno della proposte educative del Manuale “L’Officina della salute” (www.aslsassari.it/index.php?xsl=15&s=1&v=9&c=3548) destinato agli Alunni della Scuola Primaria e agli studenti della Scuola Secondaria di Primo Grado della provincia di Sassari. Il progetto è finalizzato alla promozione della salute con particolare riferimento alla prevenzione delle zoonosi. Il Progetto “Animali piccoli piccoli” si prefigge l’obiettivo di far conoscere le zoonosi di rilievo presenti negli animali del territorio dove si vive e di sviluppare nel bambino modalità strategiche e azioni utili a prevenire la malattia zoonosica. Il personale del CeNRE e della ASL ha sviluppato il progetto in diverse scuole elementari e medie della provincia di Sassari (Scuola media “Tola” 3, Sassari - Scuola Media Convitto Nazionale Canopoleno, Sassari - Scuola primaria di Torralba - Istituto Comprensivo di Thiesi –Mores- Villanova- Bono) coinvolgendo circa 600 bambini e ragazzi. Oltre alla lezione agli studenti si è tenuto un secondo incontro con la presenza dei genitori, in cui gli alunni hanno  partecipato  attivamente  nel trasferire le informazioni acquisite nel precedente incontro.
Il rapporto di collaborazione avviato a seguito di un protocollo d’intesa tra l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna (CeNRE) e l’ Agenzia Laore Sardegna volto a supportare il programma d’informazione destinato agli allevatori sull’ Echinoccocosi. Per lo svolgimento dell’attività formativa relativa alla misura FB sul benessere animale, la referente è la  Dott.ssa T. Demurtas. Tale collaborazione è stata avviata nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna degli anni 2000-2006 e 2007-2013, al fine di promuovere la conoscenza sulle principali misure di igiene e prevenzione delle malattie infettive e parassitarie trasmissibili dagli animali all’uomo. Per il raggiungimento dell’obiettivo l’Agenzia Laore si è impegnata ad ospitare, in occasione dell’attività di formazione prevista nell’ambito della misura sul benessere degli animali e nel programma didattico per la formazione degli operatori delle Fattorie Didattiche, interventi divulgativi sulle problematiche dell’Echinococcosi. A supporto dell’ azione didattica-formativa frontale il CeNRE ha distribuire ai partecipanti il materiale divulgativo sull’argomento. Sono state raggiunti gli allevatori di 28 sedi degli sportelli unici territoriali (SUT) nel ciclo di lezioni dell’anno 2009-2010 e  gli allevatori di 57 sedi Sut delle province di Sassari, Nuoro, Olbia-Tempio, Oristano e Villacidro-Sanluri in quello dell’anno 2013-2014. La scelta dei comuni nei quali intraprendere l’azione di educazione sanitaria è stata dettata dalla identificazione della “zona ad alta endemia” per la specie ovina,  nella quale peraltro si sono rilevati  i tassi grezzi più elevati dei casi umani di E. C. verificatesi negli anni 2001-2011 ottenuti dall’elaborazione dei dati SDO. Sempre nell’ambito del suddetto protocollo d’intesa per l’attività di prevenzione dell’echinococcosi in Sardegna si sono svolti  gli incontri di formazione e aggiornamento sul tema “Sicurezza Sanitaria in fattoria e prevenzione delle zoonosi” destinati agli aspiranti operatori e operatori già abilitati di Fattorie Didattiche organizzati dall’Agenzia Regionale Laore. La campagna di educazione/informazione deve essere accompagnata da poster, spot radiofonici e televisivi, pubblicazioni su quotidiani e riviste. A tale scopo è stato realizzato uno “Speciale Echinococco” in onda sull’ emittente sarda  Tele Costa Smeralda (TCS) della durata di circa un’ora  disponibile anche via web al sito:  www.youtube.com/waych?v=SN5n919LxME  (prima parte) e

www.youtube.com/watch?v==t3xzJWrKQ5E   (seconda parte) curato personalmente dalla Responsabile del CeNRE Dott.ssa Giovanna Masala.