Siti tematici

 



 
“Febbre da cavallo”: simulato un focolaio di peste equina

SASSARI, 20/12/2010
Misurare il livello di preparazione dei servizi veterinari, identificare eventuali punti critici nel sistema di controllo e assicurare livelli operativi uniformi per avere una “risposta rapida” ed efficace di fronte ad una emergenza epidemica. Questi gli obiettivi dell’operazione “Febbre da cavallo”, l’esercitazione organizzata il 16 e il 17 dicembre a Sassari dalla direzione di Sanità animale e del Farmaco veterinario del Ministero della Salute in collaborazione con il servizio prevenzione dell'Assessorato regionale della Sanità, l’Istituto Zooprofilattico della Sardegna e i servizi veterinari delle Asl.
 
I motivi. La “verifica sul campo” del sistema di emergenza epidemica, nasce dalla necessità di mantenere un alto livello di tutela dello stato sanitario e alimentare all’interno dell’Unione Europea.
Infatti, l’abrogazione delle barriere tra gli Stati, l’aumento delle importazioni e le variazioni climatiche degli ultimi anni rappresentano dei fattori di rischio per la diffusione delle patologie trasmesse dagli animali. Questo porta talvolta a serie conseguenze sul sistema economico e possibili ripercussioni sulla salute pubblica, perché si stratta di malattie che si diffondono rapidamente. L’ultimo esempio in Sardegna è la blue tongue, trasmessa dallo stesso vettore della peste equina, che tra il 2000 e il 2002 ha registrato una media di 6 mila focolai l’anno, interessando complessivamente il 60% degli allevamenti ovicaprini.
 
Il metodo. L’operazione comincia con la segnalazione di un caso sospetto da parte di un veterinario. Alle 8, in una scuderia di Mores, il medico trova un cavallo deceduto con i sintomi della peste equina e avvisa immediatamente la Asl. Mezz’ora dopo, il veterinario ufficiale impartisce le prime istruzioni per limitare le possibilità di contagio (divieto di trasportare animali e cose all’esterno della scuderia) e alle 8,45 chiama l’Istituto Zooprofilattico che esegue i test clinici. Il sospetto è confermato, si costituisce l’Unità di crisi locale e parte il sistema di emergenza epidemica: il caso viene registrato nel Sistema informativo nazionale e la Asl invia un allarme via sms agli allevatori della zona. Entra in campo la Regione e i campioni vengono inviati al centro di referenza di Teramo per la conferma ufficiale. Parte anche la sorveglianza entomologica in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico e le autorità dispongono una ordinanza di sequestro.
L’Unità di crisi regionale. Qualche ora dopo si riunisce L’Unità di crisi regionale che attiva tutte le procedure per il contenimento e l’eradicazione della malattia. Tra le misure prese in esame, anche quella più delicata dell’abbattimento degli animali, perché i cavalli sono contemporaneamente animali da reddito e da affezione difficilmente sostituibili con un indennizzo.
I risultati. «Faremo tesoro di questa esperienza perché i risultati ottenuti saranno utili per mettere a punto altre procedure di emergenza, sia per quanto riguarda le malattie animali sia per eventuali problemi di salute pubblica», commenta il direttore sanitario dell’Istituto Zooprofilattico, Paola Nicolussi
Positivo anche il bilancio di Sandro Rolesu, responsabile dell’Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale (OEVR), che dice: «La peste equina è trasmessa dallo stesso insetto vettore (Culicoides imicola) della Blue Tongue. Perciò, dopo l’epidemia degli anni scorsi, abbiamo maturato una significativa esperienza e oggi disponiamo di un sistema di sorveglianza entomologica basato su 23 “trappole fisse” che ci permette di monitorare la presenza di questi vettori su tutto il territorio regionale».

 




Amministrazione trasparente
Gare
Concorsi
Avvisi e
Comunicazioni

Regolamenti
Elenco incarichi
Contrattazione
integrativa

Provvedimenti
Amministrativi


Relazione Tecnica
Quaderni Informativi
Guide per l'utenza
Corsi/Seminari

Informazioni
Link all'applicativo


La politica della Qualità
Elenco delle prove accreditate da Accredia
Certificato-Convenzione di Accreditamento

Sito
Determine
Bandi