Siti tematici

 



RICERCHE ministeriali - Anno 2000

Titolo Progetto:
Allevamento ovino: valutazione del benessere nelle diverse tipologie di mungitura ed effetti sulle produzioni

N. identificativo: IZS SA 003/00
Responsabile:
Dr. ssa Nicolussi Paola
razionale del progetto 66

Nelle regioni coinvolte nel progetto (Sardegna, Lazio e Sicilia) il settore ovino è di particolare rilevanza socioeconomica, e una migliore conoscenza sulla fisiologia e sui comportamenti della pecora in una operazione così importante come quella della mungitura è fondamentale in una logica di razionale gestione dell'azienda ovina indirizzata alla qualità delle produzioni, attenta al benessere degli animali e alla salvaguardia dell'ambiente.

 

Nell'allevamento ovino, che in Italia continua ad essere prevalentemente di tipo estensivo, la necessità di adeguamento alle indicazioni del D.P.R. 54/97 ha comportato una vasta diffusione dell'uso degli impianti di mungitura meccanica e di raffreddamento del latte, nonché la costruzione di sale di mungitura, ricoveri, elettrificazione delle campagne. A queste importanti innovazioni tecnologiche non sempre ha fatto seguito una adeguata formazione dell'allevatore, pertanto spesso non vengono applicate le tecniche appropriate di conduzione dell'allevamento da cui dipende strettamente il benessere animale. Evidenti sono i riflessi sulla sanità dell'animale e sulla qualità delle produzioni: il valore medio del tenore in cellule somatiche nel latte ovino in Italia e in Sardegna in particolare, è uno dei più elevati in Europa, frequenti continuano ad essere gli episodi di mastite, che in presenza di mungitrice meccanica risultano ancora più pericolosi in quanto viene facilitata la sua diffusione nell'allevamento. I fattori stressanti condizionano marcatamente la produttività degli ovini sia in termini quantitativi che qualitativi, intervenendo direttamente sul loro equilibro endocrino-metabolico e deprimendo il loro sistema immunitario. In seguito a cambiamenti nel sistema di allevamento, come l'introduzione di nuove tecnologie, è fondamentale prima del loro uso tenere conto del benessere animale, dando adeguata preparazione agli operatori del settore e prestando attenzione alle caratteristiche costruttive della sala di mungitura e alle caratteristiche di funzionamento degli impianti utilizzati. Lo stesso regolamento CE n. 1804/1999 relativo alle produzioni zootecniche con metodo biologico, sottolinea che fra i requisiti indispensabili perché un allevamento possa essere considerato biologico è che venga rispettato il benessere degli animali. L'allevamento della pecora da latte per le caratteristiche intrinseche delle modalità d'allevamento e per le peculiarità ambientali, nonostante l'evoluzione tecnologica degli ultimi anni, continua a mantenere le caratteristiche favorevoli perché la zootecnia biologica nel settore ovino abbia una ampia diffusione.



Amministrazione trasparente
Gare
Concorsi
Avvisi e
Comunicazioni

Regolamenti
Elenco incarichi
Contrattazione
integrativa

Provvedimenti
Amministrativi


Relazione Tecnica
Quaderni Informativi
Guide per l'utenza
Corsi/Seminari

Informazioni
Link all'applicativo


La politica della Qualità
Elenco delle prove accreditate da Accredia
Certificato-Convenzione di Accreditamento

Sito
Determine
Bandi