Siti tematici

 



RICERCHE ministeriali - Anno 2007

Titolo Progetto:
Prototecha spp: indagine epidemiologica nelle aziende di produzione primaria di latte bovino nel comprensorio di Arborea

N. identificativo: IZS SA 001/2007
Responsabile:
Dr. Antonio Vidili
razionale del progetto 2007-1

Al genere Prototheca appartengono alghe unicellulari incolori, simili a lieviti, di cui esistono cinque diverse specie: P. moriformis, P. stagnora, P. ulmea, P. wickerhamii e P. zopfii: queste ultime due sono responsabili di infezioni cutanee in campo umano e veterinario e negli ultimi 20 anni sono state riconosciute responsabili di fenomeni di mastite a livello clinico e subclinico.

Le P. sono diffuse in tutto il mondo e prediligono gli ambienti caldo-umidi dove è presente materiale organico; nelle stalle è possibile trovarle nelle lettiere poco rinnovate, negli abbeveratoi e nei bidoni di raccolta del latte.. Le mastiti da prototheca sono difficilmente riconoscibili nelle fasi iniziali in quanto l’infezione presenta una evoluzione lenta ma progressiva, senza sintomi sistemici, con temperatura corporea e appetito nella norma; sono estremamente contagiose, tendono a diventare croniche e sono caratterizzate da un aumento notevole delle cellule somatiche (anche sopra il milione) associato a esiti negativi all’esame batteriologico del latte eseguito per la ricerca dei più comuni agenti mastidogeni. Senza l’ausilio di esami mirati e l’utilizzo di terreni colturali specifici è problematico diagnosticare una mastite da Prototheca. Infatti nel corso della attività routinaria degli ultimi anni su campioni di latte prelevato da bovine con cellule somatiche alte o con mastite clinica o sub-clinica (circa 10.000 campioni annui) non si è mai isolata la prototheca.

Prototheca spp. si è dimostrata altamente resistente ai trattamenti farmcologici, e la maggior parte dei ceppi risulta moderatamente sensibile a pochi antibiotici e antimicotici (solo l’aminoisidina e la polimixina b sono efficaci in vitro) con tempi terapeutici lunghi e dispendiosi; pertanto l’unica soluzione utile al controllo della patologia si è dimostrata la prevenzione associata alla separazione dei capi infetti da quelli sani.

Visto che nel comprensorio di Arborea il tipo di allevamento delle bovine da latte è di tipo intensivo e sono presenti le condizioni ambientali favorevoli per lo sviluppo e la diffusione dell’infezione abbiamo ritenuto opportuno eseguire questa ricerca che si prefigge lo scopo di verificare la presenza e la reale diffusione della Prototheca nell’ambito del territorio della Sardegna più vocato alla produzione di latte bovino.



Amministrazione trasparente
Gare
Concorsi
Avvisi e
Comunicazioni

Regolamenti
Elenco incarichi
Contrattazione
integrativa

Provvedimenti
Amministrativi


Relazione Tecnica
Quaderni Informativi
Guide per l'utenza
Corsi/Seminari

Informazioni
Link all'applicativo


La politica della Qualità
Elenco delle prove accreditate da Accredia
Certificato-Convenzione di Accreditamento

Sito
Determine
Bandi