Ricerca per:
Limita la ricerca a:
NEWS ED EVENTI
AMMINISTRAZIONE

Cuore di cane. Così i nostri amici a quattro zampe ci allungano la vita.

La Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri sul loro sito "antibufale" dottoremaeveroche.it, riporta uno studio apparso su Circulation – la rivista dell’American Heart Association – dove si rivela che un cane potrebbe davvero allungare la vita.
Dopo circa 70 anni di ricerche, pubblicate tra il 1950 e il 2019, e che hanno coinvolto quasi 4 milioni di persone negli Stati Uniti, in Canada, Scandinavia, Nuova Zelanda, Australia e Regno Unito, si può affermare con certezza che avere un cane riduce del 24% la mortalità.

Come riportato dal sito dell’Ordine, “si tratta di una revisione sistematica di quasi 70 anni di ricerche globali – pubblicate tra il 1950 e il maggio del 2019 – che ha coinvolto quasi 4 milioni di persone negli Stati Uniti, in Canada, Scandinavia, Nuova Zelanda, Australia e Regno Unito.
L’avere un cane è associato a una riduzione del 24% della mortalità per tutte le cause”, ha affermato la dottoressa Caroline Kramer, endocrinologa e autrice principale della ricerca. Ancora una volta, la meta-analisi ha riscontrato un beneficio ancora maggiore per le persone che avevano già avuto un infarto o un ictus. “Per quelle persone avere un cane è ancora più vantaggioso: hanno un rischio ridotto del 31% di morire di malattie cardiovascolari”, ha concluso Kramer”.

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna svolge diverse attività dedicate agli animali d’affezione. Fra i suoi compiti vi è infatti l’erogazione di prestazioni sanitarie e attività di laboratorio finalizzate alla diagnosi di malattia e al benessere degli animali domestici.  Negli scorsi anni ha realizzato inoltre vari progetti di Pet Therapy e porta avanti dal 2017 per conto della Regione Sardegna una campagna di comunicazione per il possesso responsabile degli animali (https://www.izs-sardegna.it/oldsite/randagismo/index.cfm).